27/07/2021
egitto, in campagna, Reportage, Daniela Shams

Egitto | Dove il fascino e la cultura incontrarsi

L’Egitto è un paese pieno di contrasti. Quando si lasciano le rotte turistiche, ci si sente inevitabilmente trascinati in un altro mondo. E questo mondo è magico, affascinante e soprattutto istruttivo. Se mettiamo da parte l’arroganza europea e guardiamo con umiltà la vita quotidiana in Egitto, si aprono inevitabilmente nuove prospettive.

Non posso fornire una visione neutrale in questo articolo. Dopo tutto, ho abitato nel paese nordafricano per dodici anni. Ero immerso nella cultura, nelle tradizioni e nella mentalità. Ho osservato e imparato molto sulla vita. Questo processo è stato uno dei più importanti. I tanti piccoli dettagli mi hanno mostrato che la vita (europea) non è sempre perfetta. Perché con l’idea sempre presente di un “mondo moderno”, a volte manca la sostanza.

Egitto – Casa meravigliosa del mio cuore

Sia che mi piaccia o no, l’Egitto è nel mio cuore. Fuso con la gente e la cultura, mi imbarco ancora una volta in un viaggio in una regione dove tutto è cominciato per me ai tempi. In Quena. Anche se molti egiziani mi sorridono per questo – amo questa città, i piccoli villaggi lungo il Nilo e i suoi canali. Dio solo sa da dove viene questa profonda connessione.

Ci sono momenti in cui stento a crederci io stesso, perché tutto sembra come “essere a casa”. E che, anche se non ho mai vissuto qui, porto i ricordi più belli.

Egitto, in campagna, rivista italiena
In campagna in Egitto | © Daniela Shams

Gli uomini cavalcano gli asini da un villaggio all’altro. Dove vivono, sembrano essere di un altro secolo. I campi sono lavorati a mano, anche se il sole brucia ancora nel tardo pomeriggio. In lunghi galbabya, si vedono dappertutto uomini che si prendono cura per un ricco raccolto. Da una prospettiva europea, questi lunghi abiti possono sembrare medievali. In effetti, lo sono.

Il vecchio stile porta l’idea della sostenibilità

Ma gli egiziani erano già abbastanza intelligenti nei tempi antichi. Perché gli abiti lunghi forniscono – mettiamolo in un linguaggio moderno – un ottimo microclima. Il sudore può uscire, l’aria viene fornita – uno scambio perfetto come nella camicia multifunzionale di oggi. Inoltre, sono fatti di cotone, quindi sono anche naturali e hanno anche effetti sostenibili a causa della loro lunga durata.

In questa relazione, parlo di tre argomenti:

Tempo di raccolto alla tenuta di mango

Egitto | Dove il fascino e la cultura incontrarsi 1
Un albero di mango nella tenuta | © Daniela Shams

Il sistema di irrigazione egiziano

Ricette tradizionali egiziane

Tre argomenti che inevitabilmente stanno insieme

Per gli egiziani, il cibo ha un ruolo centrale. La preparazione dei pasti, il mangiare insieme o l’invitare ospiti parlano letteralmente chiaro. Dietro quasi ogni piatto c’è un simbolismo che è stato conservato per molte generazioni. Per esempio, un ospite non dovrebbe pensare di portare qualcosa a cena. Sarebbe preso come un insulto estremo, che attesta l’incompetenza della donna di casa in cucina.

Enormi contrasti tra coltivazione e popolazione

Un paese come l’Egitto, con una popolazione di 100 milioni oggi, ha bisogno di essere nutrito. Vaste quantità di grano, carne, pesce e verdure sono preparate quotidianamente nelle cucine del paese. Eppure solo un massimo del 5% della terra è coltivata.

Egitto, in campagna, la sera seguente la raccolta di mango
In campagna, la sera seguente la raccolta di mango | © Daniela Shams

La terra del deserto è terra del deserto, e richiede un lavoro estremamente duro per trasformare la calda sabbia del deserto in terra coltivata. Per la maggiore parte del tempo non ci riesce, per questo motivo qualsiasi spazio vitale intorno al Nilo è molto richiesto. Quasi ogni famiglia possiede un pezzo e viene coltivato quasi tutto l’anno. Alte palme si ergono accanto ai campi. Danno date dolci. Fichi, fichi d’India, arance, banane e manghi. Non appena i frutti sono maturi, c’è un profumo dolce-fruttato nell’aria.

Egitto, in campagna, un albero di mango, reportage
Un albero di mango prima del raccolto | © Daniela Shams

Il raccolto di mango nell’Alto Egitto inizia all’inizio di luglio e termina in agosto. Visito una fattoria con diverse migliaia di alberi di mango. Un gruppo di lavoratori è arrivato per raccogliere a mano i dolci e deliziosi frutti e confezionarli in scatole. Devono tenere conto della maturazione della frutta. I manghi non devono essere troppo maturi. Altrimenti non sopravviverebbero al trasporto e si rovinerebbero.

Luglio-agosto: raccolta di mango in Egitto

I frutti vengono raccolti poco prima della loro maturazione. Sono ancora sodi, ma maturano più tardi. Il tempo deve essere ben scelto. Finché non vengono imballati nelle scatole, giacciono ben coricati su enormi stuoie all’ombra degli alberi. Diverse varietà crescono nella tenuta e hanno tempi diversi di raccolta. Questo è anche il motivo per cui i lavoratori vengono per quasi due mesi e vivono nella azienda durante questo periodo.

Egitto, in campagna, Riunione in azienda, rivista online
Riunione in azienda | © Daniela Shams

Al fine di garantire un buon raccolto, si irrigano giornalmente gli alberi. Di notte, sono alimentati dalla preziosa acqua attraverso un lungo sistema di irrigazione sotterraneo. Dappertutto: l’acqua in Egitto. Questo è un altro tema che tratterò nel prossimo articolo.

Lascia un commento

Cookie Policy
Data protection
, Owner: (Registered business address: Germany), processes personal data only to the extent strictly necessary for the operation of this website. All details in the privacy policy.
Data protection
, Owner: (Registered business address: Germany), processes personal data only to the extent strictly necessary for the operation of this website. All details in the privacy policy.