24/09/2021
irrigazione egiziano, reportage, rivista online

Il sistema d’irrigazione egiziano: Come sopravvive l’agricoltura

Bene, potreste chiedere cosa c’è di interessante nel sistema d’irrigazione egiziano. Da un lato, ci sono aspetti storici che mi permettono di gettare un ponte verso il presente. D’altra parte, è la visione d’insieme di un paese che oggi deve nutrire 100 milioni di persone e allo stesso tempo coltiva meno del 5% della sua terra disponibile. In questa parte del reportage “In campagna” guardiamo i canali installati, che da un lato portano l’acqua del Nilo ai campi. Ma anche altri canali che quasi nessuno sospetterebbe nella terra del deserto.

L’acqua è la base della vita – sempre, senza eccezione

Sono necessarie enormi quantità d’acqua per coltivare gli enormi campi e allo stesso tempo raccogliere abbastanza raccolti. Soprattutto perché il terreno è coltivato più volte all’anno con canna da zucchero, mulukheya, bamya, mais o fagioli. Ancora una volta, la situazione in Egitto dimostra quanto sia vitale l’acqua e che non si dovrebbe scatenare nessuna disputa su di essa o privatizzare le fonti. Non solo gli uomini hanno bisogno di acqua, ma anche gli animali. Coloro che credono che uno stile di vita vegetariano possa aiutare si sbagliano. Ciò che gli animali emettono in carne, grasso e latte non potrebbe essere assorbito da una dieta puramente vegetale!

Il mio reportage “In the Countryside” comprende quindi anche il sistema d’irrigazione in Egitto con il suo sguardo alla vita agricola. E ancora una volta sono affascinato, perché …

… il sistema di canali egiziani inizia con i faraoni

Prima del Canale di Suez, che è così importante oggi, era il “Canale dei Faraoni” che fu costruito nei tempi antichi. Gli antichi egizi hanno sempre saputo dell’importanza dell’acqua e hanno iniziato presto a costruire questi canali. Assicuravano l’approvvigionamento d’acqua per la gente e, naturalmente, la coltivazione dei prodotti agricoli. Durante il mio viaggio nella regione di Qena, mi sono imbattuto in vari canali d’acqua. Alcune erano piene, altre vuote, secche e persino ricoperte di piante.

Un piccolo canale con un grande effetto

Irrigazione egiziano, Egitto, reportage, rivista online
L’acqua dei canali è pompata nei campi ogni giorno. | © Daniela Shams

Il problema: senza acqua sufficiente nel Nilo, questi campi non potevano più essere irrigati, il risultato sarebbe stato un enorme fallimento dei raccolti. L’Egitto diventerebbe sempre più dipendente da importazioni costose, e la stabilità vacillerebbe. In Egitto, non si tratta solo di acqua. Ma è senza dubbio la chiave del potere, della politica e, vista con un telescopio, di un possibile guadagno di terreno.

Il pericolo per il sistema d’irrigazione dell’Egitto: meno acqua

I problemi potrebbero arrivare facilmente. Solo recentemente (inizio luglio 2021) il presidente egiziano Sisi ha avvertito che la situazione problematica con la diga etiope (GERD) potrebbe diventare molto seria per l’Egitto ma soprattutto molto problematica per tutta la situazione del Medio Oriente. Questo è venuto dopo l’annuncio che l’Etiopia vuole riempire la nuova diga.

Questo perché il gigantesco progetto è criticato per aver letteralmente chiuso il rubinetto all’Egitto. Già ora, o da anni, scorre molta meno acqua lungo il Nilo rispetto a 20 o 30 anni fa. Questo mi è stato confermato anche durante la mia visita alla fattoria del mango.

L’Egitto ha il suo sistema di drenaggio

Irrigazione egiziano, Egitto, reportage
L’acqua viene incanalata dal Nilo verso i campi attraverso dei canali.| @ Daniela Shams
Irrigazione egiziano, Egitto, reportage, rivista online
Le vecchie pompe funzionano in modo affidabile. | @ Daniela Shams

Ed è proprio questo drenaggio che affascina qui, dove non cresce nulla. Dove la sabbia brucia i piedi, l’asfalto si crepa sotto il calore e i beduini portano ancora l’acqua sulla testa su lunghi sentieri. Perché nella regione di Luxor / Mar Rosso stiamo parlando di enormi aree desertiche, che sono separate a loro volta da un massiccio montuoso lungo chilometri. Solo poche volte all’anno la regione riceve queste forti piogge così forti da inondare la terra.

Il sistema d’irrigazione dell’Egitto utilizza risorse naturali

La quantità di acqua piovana in Egitto è stimata in 1,6 miliardi di metri cubi all’anno. Queste masse di pioggia sono raccolte dai canali costruiti e resi disponibili per l’uso. I beduini e le tribù che vivono nel deserto hanno anche accesso all’acqua potabile. Allo stesso tempo, l’acqua piovana raccolta viene utilizzata per riempire le risorse idriche sotterranee.

Queste misure sono ragionevoli e importanti, perché l’acqua salata viene ancora estratta per essere utilizzata. Tuttavia, questo deve essere desalinizzato nelle prime fasi, quindi l’acqua piovana supplementare dà un contributo importante alla desalinizzazione. Inevitabilmente si ha la sensazione che l’Egitto stia lottando per ogni goccia d’acqua.

Ecco come ci si sente quando manca l’acqua nel deserto

Personalmente, so cosa significa la scarsità d’acqua in un paese desertico. Negli anni in cui ho vissuto in Egitto, l’acqua veniva portata da autocisterne, poi si riempivano i serbatoi sul tetto. Un serbatoio con un volume di 4000 litri. Nei mesi molto caldi poteva succedere che l’acqua fosse esaurita e si doveva aspettare il giorno dopo per fare una doccia o lavare i piatti.

La cosiddetta inondazione l’ho vissuta a Hurghada nel 1996. Il cielo era quasi rosso sangue, il mare aveva prodotto onde insolitamente alte e larghe un giorno prima. Così forte che ho avuto il mal di mare per la prima volta. Le navi e le barche erano difficili da navigare in queste condizioni. Poi il giorno dopo ha cominciato a piovere, piovere, piovere. Nel giro di un giorno, l’acqua nel centro della città era alta un metro.

Apprezza ciò che hai – per quanto piccolo possa essere

Alcuni dei vecchi edifici residenziali si sono quasi rotti sotto l’improvviso afflusso d’acqua, che non poteva defluire via soprattutto perché non c’è un sistema fognario. L’elettricità è mancata per una settimana. La fornitura di cibo fu interrotta per diversi giorni, anche le candele si spensero presto. Come europeo, questa situazione era surreale. Ma una lezione che mi ha insegnato ad apprezzare non solo l’acqua.

egitto, in campagna, Reportage, Daniela Shams

Conosci il rapporto “In campagna”?
Daniela Shams ti dà una visione quasi intima della vita egiziana in campagna.

leggi di più

Lascia un commento

Cookie Policy