09/10/2021
Mauro beddini, pasticceria beddini, intervista

Superare la crisi! Mauro Beddini e la sua azienda tradizionale italiana

Gli ultimi anno e mezzo sono stati un disastro economico. Non c’è quasi nessuna azienda che non sia stata colpita dalla pandemia e le perdite. La Pasticceria Beddini in Umbria è venuta alla mia attenzione. A quanto pare, il fondatore Mauro Beddini ha utilizzato la sosta per ottimizzare le strutture interne. Dopo tutto, ad un certo punto le cose andranno di nuovo avanti. E in Italia, naturalmente, la gente ama mangiare bene in ogni momento.

Pubblicità

Più a lungo osservavo, più l’azienda Beddini in Umbria diventava interessante per me. Perché proprio nel momento in cui molte piccole e medie imprese si sono dovute arrendere a causa della difficile situazione di Corona, Beddini ha dimostrato di essere il proverbiale “stand-up guy”. 

Ho un grande rispetto per le persone che lavorano molto e duramente. Si rialzano e ancora dopo essere caduti. Continuate e non mollare. Non tutti hanno la forza di farlo. La mia attenzione è meno sui numeri dell’azienda. Guardo invece le persone che ci sono dietro, tra cui soprattutto i dipendenti, che sono indispensabili.

Mi è interessato sapere come Mauro Beddini è riuscito a sopravvivere negli ultimi anno e mezzo dal punto di vista dell’imprenditore. Quanto è stato difficile, come appare oggi la situazione subito dopo l’apertura della zona bianca e cosa promette il futuro. Il risultato è una conversazione interessante con sorprese.

Daniela Shams: Mauro, quanti dipendenti lavorano nella tua azienda? Ha dovuto licenziare qualche dipendente?

Mauro Beddini: Abbiamo 65 dipendenti più 8 membri della famiglia che lavorano nella nostra azienda. In generale, è lo stesso che in qualsiasi altra azienda: alcuni dipendenti se ne vanno, altri entrano. Questo è normale. Tuttavia, durante la pandemia, non abbiamo licenziato nessuno.

Daniela Shams: Per favore, mi dica come è nata la Pasticceria Beddini. 

Mauro Beddini: Abbiamo iniziato il 3 luglio 1972 – 49 anni fa a Rimini. Nei momenti di punta avevamo 20.000 ciambella nel forno! Ormai sono 40 anni che abbiamo sede a Foligno. 

Daniela Shams: È impressionante! Immagino che l’anno scorso sia stato uno dei più difficili. Dopo tutto, nessuno poteva prepararsi per il lockdown. Se poi un’attività di catering e una pasticceria in funzione scendono improvvisamente a zero, non è divertente. Affrontiamo i numeri? Quanto fatturato è stato perso?

Mauro Beddini: L’anno scorso abbiamo fatto una perdita di 200.000 euro. C’è stato l’aiuto del governo, ma relativamente tardivo. Mi sono concentrato sul lavoro e ho sperato che tutti rimanessero in salute. 

Daniela Shams: Di quanti aiuti statali stiamo parlando?

Mauro Beddini: Circa 50.000 euro. 

Daniela Shams: Oh, fa male solo a sentirlo. Non stiamo deliberatamente iniziando una discussione qui sull’aiuto del governo durante la pandemia. Qui l’Europa ha fallito in larga misura. Lasciamo perdere e guardiamo invece le aree di business costruttive di Beddini. 

Daniela Shams: Nell’ultimo anno è stato lanciato anche il negozio online di Beddini. In pratica, hai usato la pausa forzata come un passo costruttivo, vero? 

Mauro Beddini: Sì, è così. Beddini ora ha anche il negozio online. Con nostra sorpresa, gli affari di Natale sono andati meglio della Pasqua. Ma siamo contenti di aver fatto questo passo. 

Daniela Shams: Dove consegna Beddini?

Mauro Beddini: Al momento spediamo solo in Italia. 

Daniela Shams: Per i lettori in Austria, Svizzera e Germania, spedire il famoso Colombo sarebbe certamente interessante. 

Mauro Beddini: Ne riparleremo in seguito. 

Daniela Shams: Ciò che mi affascina come tedesco è la coesione familiare nelle aziende. Lo vedo come una sorta di base stabile quando i membri della famiglia lavorano nella propria azienda. In Germania ce ne sono pochi, e purtroppo l’Italia segue spesso il “modo moderno ed europeo”. Posso immaginare che anche questo non sia sempre facile. Ma alla fine solo umano, se crepita nell’aria a volte. D’altra parte, vedo una struttura impressionante: per Beddini in via Hoffmann ha un concetto diverso da “Beddini Bistro” nel centro di Foligno. Entrambe le aziende sono davvero impressionanti – specialmente quando si tratta di social media! 

Mauro Beddini: Sì, ognuno si assume le proprie responsabilità. Mia figlia Giulia e sua marito gestiscono Beddini Bistro a Foligno. I miei due figli, invece, lavorano nell’attività principale della Pasticceria Beddini. 

Superare la crisi! Mauro Beddini e la sua azienda tradizionale italiana 1
Michael e Gulia al Beddini Bistro | © Daniela Shams

Daniela Shams: Non essere così modesto, Mauro! Perché da qualche mese ho visto anche la Tenuta Beddini. Ci vuole davvero un’enorme coraggio e nervi di ferro per fare un altro passo in una crisi profonda.

Mauro Beddini: Sì, l’Azienda appartiene a mio figlio Giacomo e a sua moglie. Così ognuno va per la sua strada. Qui viene prodotto e venduto l’olio d’oliva della zona di Foligno.  

Daniela Shams: Tuttavia un risultato notevole. Dall’esterno si può sentire la coesione della famiglia. Personalmente, vedo come una grande conquista al giorno d’oggi quando una famiglia riesce a trovare un equilibrio tra “insieme eppure separati”. È un atto di equilibrio che interiorizza la tradizione e la modernità. Non è affatto facile. 

Daniela Shams: Cosa riserva il futuro?

Mauro Beddini: Io e mia moglie Fulvia vorremmo andare in pensione. Nostro figlio Dario ha le capacità per prendere in mano la pasticceria. È lui che lavora in genere dietro alle quinte con noi. 

Daniela Shams: Grazie mille Mauro per l’intervista. È stato molto interessante e vi auguro tutto il meglio per il futuro!

Potete trovare la Pasticceria Beddini a Foligno

  • Via Fornaci Hoffman, 2/B, 06034 Foligno. Google Map
  • Il Beddini Bistro si trova nel centro di Foligno, in Via Rutili. Google Map

Vuole ordinare un’intervista? Scrivimi.

Lascia un commento

Cookie Policy