17/11/2022
Johnny Depp vs Amber Heard

Più che i soldi: Johnny Depp ritrova il suo onore

Il processo tra Johnny Depp e Amber Heard è finito. È stato uno dei più grandi casi giudiziari che gli Stati Uniti abbiano mai visto. Dopo il verdetto, la grande discussione. E dopo che per settimane mezzo mondo ha twittato con hashtag come #JusticeforJohnnyDepp, la Heard ed Elaine Bredehoft stanno reagendo. Ma il silenzio sarebbe l’opzione migliore ora.

Scorrendo i principali media si ha l’impressione che sia stata solo una “guerra delle rose”. Un’altra fossa di fango nello scenario di Hollywood. Tutt’altro, e il titolo del giornale indica da solo la superficialità con cui si sta agendo. Come sempre arriva il grande dito morale per la presunta minoranza di donne deboli. Allora Sarah Stendel evidentemente non ha seguito il processo. Infatti, il video e l’audio originali riprodotti nell’aula del tribunale di Fairfax mostrano una Amber Heard che filma di nascosto il marito, sogghignando e gridando “Sei un bambino! Cresci!”

Johnny Depp ha chiarito più volte che non lo fa per i soldi. Non si tratta nemmeno del movimento MeToo, ma di un uomo che si difende dalle accuse di essere un marito violento. La Heard voleva colpire Depp all’interno con il suo articolo e ci è riuscita. Stupidamente, questo è esattamente ciò che ha ammesso nel suo recente controinterrogatorio di Camille Vasquez, quando ha risposto: “Ci sono tante persone che gli fanno favori, che fanno tutto per lui. Ha tanto potere, tanto potere. È proprio per questo che ho scritto questo articolo”.

È una questione di credibilità, non di simpatia

La donna ha risposto, visibilmente emozionata, alle domande incalzanti dell’avvocato. E si aveva la sensazione che queste parole stessero sgorgando da dentro di lei. Ma con questa frase ha confermato perfettamente l’accusa e, come se non bastasse, ha accusato poliziotti, avvocati, Kate Moss e altri di mentire. Questi momenti erano chiaramente visibili perché il processo è stato trasmesso in diretta su richiesta di Johnny Depp. Altrettanto non celati erano i suoi strani cambiamenti di emozioni, da un secondo all’altro.

Un’altra registrazione mostra l’arrivo della Heard in tribunale. Quel giorno non c’era nessuno a rimproverarla. In realtà, non c’era proprio nessuno, per quanto l’inquadratura lo permettesse. Quello che si vedeva era una donna che non era affatto distrutta, al contrario. Radiosa e pettinata di fresco, entra nell’edificio sorridendo per giocare la “carta del mimino” in aula con gli angoli della bocca abbassati.

Compatto, buono, autentico – Johnny Depp

Depp, d’altra parte, è stato sincero su tutte le sue asperità, in particolare sul capitolo delle droghe e dell’alcol. “Non siamo tutti perfetti, certamente no. Ma queste accuse che mi vengono lanciate qui, non le ho fatte io”. In parte è ironico, sempre chiaro, anche se parla lentamente e sceglie bene le parole. Depp non è certo uno di quelli che vogliono attirare l’attenzione in tribunale.

Giusto, MeToo ha un problema: con la donna di facciata sbagliata

In particolare, con una donna che ha picchiato il marito e ha minimizzato l’accaduto sia nelle conversazioni che in tribunale. Le prove forensi hanno mostrato una donna che non aveva paura di lui né durante il matrimonio né durante il processo. Un altro fatto reale di cui la giuria di sette membri ha certamente tenuto conto nel raggiungere il verdetto. Heard ammette: “Ti stavo colpendo. Non ti ho punito”. (“Ti picchiavo, non ti ho punito”) e i media tedeschi attestano che l’ex coppia aveva un “rapporto difficile”.

Al momento della trasmissione, i giurati non si sono certo tappati le orecchie, e quello che è seguito è stato il loro verdetto. C’è un uomo di 58 anni che non è mai stato accusato di violenza da nessuna donna. Né l’ex moglie Vanessa Paradis né Kate Moss. Si tratta di credibilità effettiva, non della capacità di guadagnarla attraverso la simpatia. Johnny Depp risponde alla domanda su cosa ha perso: “Niente di meno che tutto”.

Anche le persone ricche e di successo possono essere credibili

Come spesso accade, la gente in Germania sembra avere un problema con le persone ricche e di successo. Depp non è un caso isolato. Questo processo non è un giudizio contro le donne, ma un processo sulla credibilità di due persone. Amber Heard non ha potuto dimostrare questa credibilità alla giuria. Troppi comportamenti strani, troppe risposte che hanno sollevato altre domande e aggrottato le sopracciglia. Per questo motivo, la perdita del processo non è un passo indietro per le donne, come ha dichiarato la Heard su Instagram dopo il verdetto.

“Ho perso il diritto di parlare liberamente come donna americana”. No, ma la libertà di parola include la verità.


Altri articoli che potrebbero interessarvi

Berlino e dove scendere, internationale rivista

Conosce Berlino?

A Berlino c’è sempre qualcosa da scoprire.

Condividi l'articolo

Lascia un commento