Sensazione: l'autoritratto (1889) di Van Gogh è autentico

Autoritratto (1889) mentre Van Gogh soffre di una psicosi | Foto Van Gogh Fri ikke-kommersiell bruk (CC-BY-NC) Nasjonalmuseet | Foto di sfondo Foto di Mitch Harris | Collage Daniela Shams

Si tratta di una notizia molto speciale. Insieme, infatti, il Van Gogh Museum di Amsterdam e il Nasjonalmuseet di Oslo hanno annunciato oggi che l’autoritratto (1889) acquistato dal museo di Oslo nel 1910 è autentico. La particolarità di questo autoritratto di Van Gogh è che è l’unico dipinto che ha realizzato durante la sua psicosi. Il suo stato d’animo si riflette a prima vista, perché i suoi tratti del viso sembrano scontrosi e l’immagine manca del tocco magico anche sotto altri aspetti, anche se la sua caratteristica pennellata è chiaramente visibile.

Suggerimento per il museo

Questo autoritratto farà parte della mostra “In the Picture” del Museo Van Gogh di Amsterdam dal 21 febbraio 2020. Dalla primavera del 2021 l’autoritratto (1889) farà poi parte della collezione permanente del Nuovo Museo presso il Museo Nazionale di Oslo.

Dubbi sull’autenticità del dipinto

Anche se il Museo Nazionale di Oslo ha acquisito l’autoritratto già nel 1910, ci sono stati dubbi sulla sua autenticità fin dall’inizio. Non solo i colori, ma anche l’origine del dipinto non era chiara. Di conseguenza, sono stati compiuti intensi sforzi per indagare proprio su queste domande. In relazione a questa ricerca, la storia della pittura si è sviluppata passo dopo passo. I precedenti proprietari erano amici di Van Gogh: Joseph e Marie Ginoux. Non è stato possibile chiarire quando hanno ricevuto il dipinto, quindi la data di origine doveva ancora essere chiarita. Ciononostante.

… L’onestà di Van Gogh nei confronti di se stesso è stupefacente, quasi incredibile. Apparentemente afflitto da dubbi, non ha perso la sua schiettezza anche in questa fase della sua vita. Sta all’ombra della sua stessa persona, osserva con disgusto eppure rimane saldo. L’autoritratto (1989) mostra quanto questo processo possa essere doloroso. Ma l’essere umano non è perfetto, deve posizionarsi e ritrovarsi sempre di nuovo. Com’era coraggioso, questo Van Gogh.

Prenditi un po’ di tempo libero per un weekend…

…al Museo Van Gogh di Amsterdam. Lasciatevi tutto alle spalle per un momento e assorbite la magia dei dipinti di Van Gogh. La mia “prima volta” davanti a un autoritratto di Van Gogh è stata a Milano. Le lacrime mi sono arrivate agli occhi in modo del tutto inaspettato. Da allora ho sempre avuto in mente la parola magia quando vedo la sua, così autodeterminata pennellata, l’intensità della vita.

La ricerca di un’immagine ha occupato i ricercatori

Solo nel 2014 il Museo Nazionale di Oslo ha commissionato al Museo Van Gogh, con sede ad Amsterdam, uno studio più approfondito. Di conseguenza, i ricercatori concordano ora che, sulla base dello stile, della tecnica e dei materiali utilizzati, è ormai chiaro che si tratta di un altro autoritratto di Van Gogh. La data di creazione è stimata nell’agosto 1989. Ciò che è insolito, tuttavia, è la tela, i pigmenti e la palette di colori ovviamente cupi. In combinazione con la pennellata, tutti questi elementi indicano il periodo creativo dalla fine dell’estate all’autunno 1989.

Van Gogh e la psicosi

Il dipinto di Oslo è l’unica opera che può essere associata all’autoritratto che Van Gogh descriveva in una lettera al fratello Theo del 20 settembre 1889 come “un tentativo di quando ero malato”. L’artista fu colpito da un grave episodio psicotico a metà luglio 1889, che durò un mese e mezzo, fino al 1° settembre. Alla fine della crisi era ancora “disturbato”, come ha scritto il 22 agosto, ma si sentiva ancora in grado di dipingere. L’autoritratto deve essere stato dipinto poco dopo il 22 agosto e all’inizio di settembre ha visto i suoi due famosi autoritratti del 1889, ora alla National Gallery of Art di Washington e al Musée d’Orsay di Parigi.

A differenza delle ultime due opere, l’Autoritratto di Oslo raffigura una persona malata di mente. Van Gogh si è raffigurato con la testa leggermente piegata e il corpo leggermente allontanato dallo spettatore. Il suo sguardo timido e laterale è facile da riconoscere e si trova spesso in pazienti che soffrono di depressione e psicosi. La sua espressione facciale è senza vita e il quadro complessivo è dominato da un tono brunastro-verde e depresso. Anche se all’epoca Van Gogh aveva paura di ammettere di essere in una condizione simile a quella dei suoi compagni di stanza nell’istituto, probabilmente ha dipinto questo ritratto per riconciliarsi con ciò che vedeva nello specchio: una persona che non voleva essere eppure lo era”, dice Louis van Tilborgh, ricercatore senior del Van Gogh Museum e professore di storia dell’arte all’Università di Amsterdam. Questo fa parte di ciò che rende il dipinto così notevole e anche terapeutico. È l’unica opera nota per essere stata creata con certezza da Van Gogh mentre soffriva di psicosi. 

Commenta per primo

Lascia un commento